Aprire un Pet Shop

L’apertura di questa attività può rivelarsi proficua e appagante in particolare per chi ama gli animali. Nella nostra epoca gli animali domestici sono un simbolo, un’esigenza per le persone che non possono fare a meno di avere cani e gatti e anche altri animali in casa propria.

L’investimento iniziale per l’apertura di un negozio di animali di solito è intorno ai 50 mila euro. Nelle spese iniziali dovrete considerare l’acquisto degli arredi, dei prodotti necessari per la vendita, e anche tutte le spese fisse riguardanti l’attività vera e propria: luce, gas, dipendenti, affitto. Si tratta di un investimento che comporta dei tempi di rientro non proprio brevi. Vi consigliamo quindi di considerare delle percentuali di ricarico non inferiori al 50%.

E’ fondamentale trovare la giusta location per il vostro negozio. Indispensabile che vi sia un sufficiente afflusso di gente, quindi parliamo di una zona e di un Comune piuttosto popolato che abbia tra 20 mila e 50 mila abitanti. E’ fondamentale valutare il tipo di concorrenza presente. E’ bene compiere un’analisi approfondita dei vostri potenziali clienti: scoprite quanti animali domestici ci sono nella zona, e che tipo di clientela avrete. Negli ultimi anni molti negozi di animali scelgono di aprire all’interno di un centro commerciale, valutate l’opzione considerando eventuali restrizioni. Ottime anche le città di grandi dimensioni, possibilmente i quartieri dove vi è un alta concentrazione di famiglie che possiedono animali domestici. La dimensione di un locale non può essere inferiore a 40 mq. e in caso vendiate anche altri articoli come farmaci ecc. non meno di 60 mq.

Il benessere degli animali che vengono accolti all’interno del negozio è alla base di questa attività. Viene prima di ogni cosa, non solo nel cercare di rendere responsabili i clienti, ma anche all’interno del negozio stesso, dove gli animali devono essere tenuti in modo ineccepibile. Le condizioni essenziali perché questo avvenga riguardano vari aspetti: di spazio, di igiene e pratici.

Per prima cosa le gabbie degli animali e gli acquari, devono essere robuste, resistenti, realizzate con materiali non tossici, devono essere poste alla giusta distanza l’una dall’altra, non meno di un metro, e non possono essere poste l’una sull’altra per più di due file. Ciò consente di tenere pulite le gabbie e gli acquari, e anche di evitare che il cibo o i rifiuti cadano. La pulizia dei luoghi dove vengono tenuti gli animali deve avvenire utilizzando gli strumenti adatti. L’aria all’interno delle gabbie non deve essere contaminata e deve essere priva di umidità, e proprio in virtù di questo è necessario che vi sia la giusta ventilazione nella zona dove sono collocate le gabbie, in modo che gli animali possano respirare tranquillamente. E fondamentale che le gabbie siano disposte nel modo migliore possibile, cercando di non posizionare razze che non sono compatibili una vicina all’altra.

Gli animali devono avere sempre a disposizione cibo e acqua. Inoltre prima della vendita vera e propria ogni animale deve poter riposare per almeno settantadue ore. La prima cosa da fare, se siete intenzionati ad aprire un negozio di animali, è la ricerca del locale adeguato, poi si deve allestire il negozio, organizzare lo spazio interno, preparare l’inventario di quel che serve, stabilire i prezzi, gestire le finanze in termini di spese e ricavi, elaborare infine un piano di interventi per gestire le varie esigenze di manodopera, sia in fase di apertura che poi a regime.

La concorrenza in questo settore ha spinto a rendere più ampia l’offerta per i padroni. Ecco allora che all’interno di un negozio di animali, che possiamo chiamare Pet Shop per rendere l’idea di questa modernizzazione, possono essere offerti diversi servizi come: l’ assistenza per gli animali domestici; la toelettatura; la vendita di prodotti alimentari specifici. Un negozio di animali non prevede soltanto la vendita di animali, ma anche vari prodotti per i nostri amici.

E’ bene stabilire la tipologia di vendita dei prodotti. Potrete scegliere tra un’infinità di alternative, tante davvero originali. Gli alimenti naturali per ogni tipologia di animale, sono quelli che vengono maggiormente acquistati. Oppure ci sono prodotti per animali domestici che soffrono di alcune patologie come diabete o problemi ai reni e necessitano di un’alimentazione adeguata. E ancora gli alimenti per gli animali esotici come i serpenti che sono purtroppo diventati animali da compagnia.

I servizi e i prodotti specifici, portano notevoli guadagni, considerando che a volte il padrone non bada a spese per la salute e il benessere del proprio animale. Vi consigliamo di puntare sempre su prodotti di qualità, naturali che i padroni e anche gli animali sapranno sicuramente apprezzare. Dovrete avere un ampio assortimento che possa accontentare i clienti più esigenti. Oltre ai prodotti alimentari potrete vendere vari accessori, molto di moda in questi ultimi anni. Il mercato e la scelta è infinita, ma ovviamente molto dipende dalle dimensioni del negozio e dall’investimento che desiderate compiere.

All’interno di un negozio di animali domestici è possibile vendere anche alcuni farmaci. Solitamente i farmaci che vengono venduti sono fitofarmaci e gli antiparassitari, ed è anche qui necessaria una specifica autorizzazione. Le autorizzazioni che vengono rilasciate vanno rinnovate visto che hanno una scadenza prestabilita. I farmaci rappresentano un segmento davvero redditizio in questo tipo di attività, anche se quelli che possono essere venduti sono soltanto quelli che non necessitano di una prescrizione da parte del veterinario, e anche tutti quelli che vengono definiti parafarmaci. Le normative che un tempo erano più rigide permettono oggi di vendere questi tipi di farmaci.

E’ possibile vendere prodotti e servizi direttamente on line. Sono molte le imprese che hanno una sede operativa ma svolgono gran parte della loro attività sfruttando internet. Un sito internet permette di raggiungere una clientela davvero ampia, e di ridurre i costi del personale e dell’attività in generale, considerando che una vendita più semplice e più rapida vi permetterà di ridurre sensibilmente l’orario di apertura del vostro negozio di animali.


Iter Burocratico
La prassi da seguire è quella tipica dei negozi al dettaglio o all’ingrosso, ma bisogna sottolineare che la vendita di alimenti per animali domestici, presuppone che abbiate alcuni requisiti particolari. I requisiti sono oltre che personali, anche professionali e prevedono che abbiate intrapreso un corso abilitante presso la Regione, o abbiate lavorato nell’ambito dell’alimentazione per non meno di 2 anni.

Come prima cosa dovrete rivolgervi al comune per la comunicazione di inizio di attività. Trascorsi trenta giorni l’autorizzazione è valida. Ovviamente dovrete anche occuparvi dell’apertura della Partita Iva e dovrete iscrivervi nel Registro delle Imprese della Camera di Commercio Provinciale. Chiedete l’aiuto di un consulente visto che molto spesso le norme variano in base al Comune. Uno dei documenti fondamentali è la Certificazione Igienico Sanitaria, che deve essere richiesta al Servizio di medicina veterinaria della ASL, che compirà un’ispezione di controllo.

 
Aprire un Negozio © 2009 | Marchio by Pubblica Amministrazione - Via Ponte alle Mosse, 72/r - 50144 Firenze - Tel: 055 - 324.51.52 - P.iva: 06212180480
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...